Uova ritirate dal mercato causa salmonella: ecco quali sono

Le uova sono un alimento fondamentale che viene consumato da millenni e costituiscono uno dei principali prodotti alimentari derivati dagli animali insieme alla carne e ai latticini. Anche se comunemente si fa riferimento alle uova di gallina, esistono altre tipologie di uova adatte al consumo umano. Ogni nazione ha le proprie regolamentazioni per garantire la sicurezza alimentare e prevenire la diffusione di malattie, anche se in contesti considerati sicuri come l’Italia, le contaminazioni alimentari, come recentemente evidenziato dal Ministero della Salute, non sono rare.

Recentemente, è stata segnalata una contaminazione delle uova causata dal batterio Salmonella Tiphymurium. Il Ministero della Salute ha diffuso una nota dettagliata attraverso il portale ufficiale dello Stato.

Le uova contaminate sono state prodotte da Alicom per Fattorie Salentine Sarl e i lotti interessati sono il 34101, 34201, 34301, 34401, 34501, 34601, 34701, 34801, 34901, 35001, 35101, 35201, 35301, 35401, 35501, 35601, 35701, 35801, 35901, 36001, 36101, 36201, 36301 e 36401. Le confezioni coinvolte sono da 6 o da 10 uova e sono contenute in cartoni da 180, 200 e 360 uova. Queste uova sono potenzialmente contaminate dal batterio Salmonella e quindi non sono considerate sicure per il consumo umano.

Chiunque abbia acquistato queste uova è fortemente incoraggiato a restituirle al punto vendita, dove potranno essere sostituite o rimborsate completamente. La salmonellosi, causata dal consumo di alimenti contaminati dalla Salmonella, può provocare sintomi come mal di pancia, diarrea, febbre, dolori addominali e disturbi digestivi, che possono essere più gravi nei bambini e negli anziani. La corretta produzione e conservazione delle uova sono fondamentali per prevenire la proliferazione di malattie trasmesse da questo alimento.
Continua a leggere su MediaTurkey: Uova ritirate dal mercato causa salmonella: ecco quali sono

Lascia un commento

Cambia impostazioni sulla privacy