Svelata da una 115enne la dieta per la longevità: pazzesco!

Se state ricercando il segreto della longevità, nessuno in modo migliore di una centenaria può svelarvelo. 115 anni e non sentirne il peso, perlomeno, non sullo stomaco. È questa la storia ed il primato di Helena Pereira dos Santos, una brasiliana che ha celebrato lo straordinario traguardo proprio in tali giorni.

E il merito, spiega lei medesima, è tutto di un alimento che ha risaputo concederle tanta salute e una singolare longevità. La scienza, in aggiunta, le dà ragione. A 115 anni ultimati la Nostra gode ancora di una qualità della vita meravigliosamente alta, restando attiva e in alcuni modi indipendenti. Anche se è andata in pensione tantianni fa, Helena si dedica ai suoi hobby amati: ricucire vestiti e realizzare bambole di pezza. Si concede anche delle belle camminate e va a fare la spesa con l’assisto della nipote. Cosa mangia di tanto forte e vigoroso, vi starete chiedendo.

Svelata da una 115enne la dieta per la longevità: pazzesco!

La risposta vi meraviglierà, perché difatti il segreto di una così lunga vita è stato mangiare unicamente fagioli (e molti).

Grazie a una dieta piena di questo legume, dice l’ultracentenaria, si è conservata forte. In effetti, un sempre più esteso corpus di ricerche rammentache il consumo di legumi quali fagioli, piselli, lenticchie, ceci e così via, può possedere un profondo impatto sulla longevità. Specialmente, uno studio del 2004 ha verificato che si potrebbe diminuire il pericolo di mortalità dell’8% per ogni 20 grammi di fagioli o legumi mangiati giornalmente. Più in generale, gli esperti raccomandano di osservare una dieta a base di verdure, rimuovendo totalmente (o quasi) la carne e limitando parecchioanche il consumo di pesce.

Il consiglio per chi ha il desiderio dispegnere 100 candeline o più è quello di focalizzarsi su cibi integrali di base, puntando su frutta, cereali e verdura, e diminuire drasticamente l’assunzione di alimenti trasformati. Non solo, difatti si dovrebbe bere tanta acqua, fare spuntini genuini e limitare il più possibile la presa di zuccheri. Meglio pochi o niente. 

Sebbene benchè le sue buone condizioni di salute in gran parte alla dieta, Dos Santos specifica che anche altri fattori hanno dato un ausilio rilevante: dormire bene, fare esercizio fisico e essere in grado di ritagliare attimi di felicità. La genetica e la buona fortuna hanno fatto il restante.

Lascia un commento

Cambia impostazioni sulla privacy