Arrestati padre e figlio, furto di energia e marijuana: ecco cosa è successo

Notizia decisamente curiosa ma anche piuttosto “seria”, che è stata portata alla luce dalle forze dell’ordine in queste ore, fatto occorso in Sicilia, dove i titolari e lavoratori di una panetteria sono stati accusati di possesso di sostanze stupefacenti e di furto di energia elettrica.

Padre e figlio 60 e 29 anni, gestori di un panificio-pizzeria ad Aci Catena, operazione chiamata Natale Sereno, anche abbastanza ironicamente, che non è stato esattamente così per gli arrestati.

L’indagine era stata portata avanti da diversi giorni in merito a consumi energetici troppo ridotti che avevano fatto effettivamente insospettire le forze dell’ordine dopo alcuni rilevamenti.

Arrestati padre e figlio, furto di energia e marijuana: ecco cosa è successo

 Padre e figlio sono stati accusati di furto di energia elettrica e manomissione del contatore (era stato ritrovato un grosso magnete sullo stesso) pari a cirac 110.000 euro negli ultimi 5 anni (è stato effettivamente rilevato un consumo quasi nullo, circa dell’1% e sequestrate banconote falsificate per 4.500 euro. Nel mentre, nascosti anche circa 300 grammi di marijuana in un grosso sacchetto tra quelli della farina naturalmente impiegati per lo sviluppo dei prodotti locali.

Sono stati rilevati anche i tipici strumenti come strumenti di precisione per pesare le sostanze stupefacenti come i tradizionali bilancini per la vendita del prodotto in questione che veniva effettuata nel medesimo locale.

Il tutto era stato effettivamente già tagliato in dosi per essere stoccate e vendute, condizione che è stata rilevata dopo il blitz portato avanti dai NAS locali stamane intorno alle 6.30. Oltre alle varie sanzioni legate all’HACCP (che ha portato ad una sanzione per irregolarità di circa 2000 euro), sono stati rilevati 3.000 euro in contanti, ritenuti provento dello spaccio, e denaro falso per 4.500 euro. Quanto rilevato è stato sequestrato ed i due soggetti sottoposti all’arresto, attualmente agli arresti domiciliari.

Lascia un commento

Cambia impostazioni sulla privacy