Covid 19: previsto l’aumento di casi per oltre 1 milione di italiani a Natale

Natale è ormai alle porte, ma moltissimi italiani potrebbero trascorrerle a letto, tra influenza e Covid. I casi di Sars-Cov-2 sta stanno di nuovo aumentando così come anche i ricoveri e i decessi. Il picco è previsto proprio durante il periodo natalizio, aumentando così anche il rischio di sovrapposizione delle infezioni e portando a stime di circa 900mila italiani costretti a letto a causa di almeno uno dei due virus. A rischio ovviamente, gli anziani, la cui vaccinazione rimane molto importante. Proprio per tale motivo, in molte città, sono stati attivati degli open day, per vaccinarsi. 

Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg), avverte che nei loro ambulatori il 55% delle patologie acute è attribuibile al Sars-Cov-2, con un notevole aumento delle richieste di vaccino. Solo il 40% riguarda l’influenza, suggerendo che la maggiore adesione alla vaccinazione stagionale ha contribuito alla minore incidenza.

Covid 19: previsto l’aumento di casi per oltre 1 milione di italiani a Natale

Il virologo Fabrizio Pregliasco segnala una crescita generale delle infezioni, soprattutto respiratorie, con l’H1n1 in costante aumento. Pregliasco ha previsto il contagio per  quasi un milione di italiani che potrebbe trovarsi a letto con un virus per Natale. I casi covid ormai non vengono più denunciati a causa della mancanza di tamponi, ma gli ospedali, i ricoveri e le morti sono comunque tanti. 

I sintomi lievi del Covid, come rinite, tosse stizzosa, faringite e laringite, che caratterizzano la maggior parte dei casi di Omicron attualmente in circolazione, sono motivo di allerta per i soggetti più fragili, come indicato dalla Società italiana di medicina generale e delle cure Primarie (Simg) e dalla Società italiana malattie infettive e tropicali (Simit).

Questi sintomi, simili a quelli dell’influenza, generano preoccupazione, soprattutto considerando la scarsa adesione alla vaccinazione. In vista delle festività natalizie e delle maggiori occasioni di aggregazione, il ministro della Salute Orazio Schillaci ha ribadito l’importanza dell’immunizzazione, soprattutto per anziani e soggetti fragili. Nonostante la situazione negli ospedali sia ampiamente sotto controllo, i ricoveri sono in aumento (7426 nei reparti di medicina e 240 in terapia intensiva), e nel mese di novembre si sono registrati quasi mille decessi, principalmente tra i grandi anziani (circa 300 a settimana).

Lascia un commento

Cambia impostazioni sulla privacy