Cosa scegliere tra cotechino e zampone per capodanno? Ecco la risposta e perché

Se vi state domandando quale tra le due perle della gastronomia italiana, cotechino e zampone, sia più buono, allora questo articolo fa proprio al caso vostro perché oggi andremo a vedere assieme la storia e la tradizione di questi due piatti nonché la loro differenza di gusto e di preparazione.

Stiamo parlando in ogni caso di uno di simboli del Cenone di Capodanno. D’accordo alle lenticchie sono sempre presenti sulle tavole apparecchiate degli italiani la sera del 31 dicembre. Quasi sempre vengono confusi, pensando scorrettamente che si tratti del medesimo alimento, ma in realtà sono due piatti parecchio diversi tra loro sia per nella preparazione della ricetta che nel gusto finale. 

Non si trova però discrepanza di simbolismo tra cotechino e zampone: stando alla tradizione devono essere mangiati allo scoccare della mezzanotte di Capodanno perché sono degli alimenti “portafortuna” che offrono prosperità e fortuna a chi li consuma. Normalmente vengono tagliati in forma rotonda e mangiati congiuntamente alle lenticchie che rappresentano “entrata di monete”.

Cosa scegliere tra cotechino e zampone per capodanno? Ecco la risposta e perché

La tradizione di consumare cotechino e zampone a Capodanno rievoca la notte dei tempi. Parliamo di una tradizione contadina trasmessa di generazione in generazione e conservata intatta fino ai giorni nostri. Non era una coincidenza che tali prelibatezze venivano consumate proprio quel giorno perché nel mese di dicembre capitava la macellazione del maiale di cui non si gettava via nulla, ma veniva consumata ciascuna singola parte. 

Consumare il maiale a Capodanno di conseguenza significava augurarsi di consumarlotutto l’anno o meglio di possedere cibo in gran quantità per tutta la famiglia per tutto l’anno nuovo. Duque zampone e cotechino non sono la medesima cosa. Di differenziano tra loro per assemblaggioe preparazione. Tutte e due sono insaccati prodotti con carne di suina e posseggono anche la cotenna, ossia la pelle di suino. In ambedue i casi vengono messe spezie come chiodi di garofano, noce moscata, cannella, per far essere più buono il sapore al termine della cottura. In ambedue i casi si trovano un mix di ingredienti: 20% di cotenna, 60% carne magra fresca e 20% carne grassa come gola, pancetta e guanciale. 

La prima discrepanza è estetica: lo zampone possiede una forma particolare da cui discende anche il suo nome ed è fatto con la zampa anteriore del maiale, mentre il cotechino altro non è che un budello di tipologia naturale. Il cotechino è una carne più dolce e anche più delicata a differenza dello zampone che è più croccante.

Lascia un commento

Cambia impostazioni sulla privacy