Mattia Stanga, chi è: età, vita privata e carriera

Mattia Stanga, un influencer e comico italiano molto famoso su TikTok, è nato e cresciuto a Brescia il 10 febbraio 1998. Attualmente ha 25 anni. Ha una famiglia composta dai genitori Cristian ed Elisa e una sorella di nome Giulia, nata nel 2006. Dopo aver terminato la scuola superiore, ha deciso di continuare gli studi all’Università di Brescia, frequentando la facoltà di Economia Business e Management.

La vita privata di Mattia Stanga è un mistero, poiché lui è molto attento a non rendere pubblici dettagli personali sulla sua vita, nonostante la sua fama su TikTok e Instagram.

Nonostante gli impegni universitari, Mattia è riuscito a costruirsi una grande notorietà su TikTok grazie alla sua comicità spontanea e sincera. Il suo stile si basa su sketch comici legati alla vita quotidiana, che riescono a coinvolgere il pubblico grazie alla sua genuinità. I suoi video su TikTok sono semplici e naturali, senza effetti speciali o montaggi complessi, ma sono in grado di trasmettere una comicità autentica. Nel 2022 ha anche partecipato all’Eurovision, presentando il pre-show sul canale Eurovision di TikTok, che è stato per la prima volta partner ufficiale dello spettacolo.

Nel 2022 ha lanciato anche il suo podcast Spotify chiamato “Sei Stanga?”, dove ogni episodio affronta una sua paranoia in modo divertente e simpatico. Grazie alla sua popolarità sui social media, negli anni è diventato testimonial per diversi brand come Aperol, Pandora e Caffè Vergnano. Nel 2023 ha partecipato al Festival di Sanremo e nel settembre dello stesso anno è approdato in televisione su Sky. Nel 2024 sarà il presentatore del Prima Festival di Sanremo, insieme a Paola e Chiara e Daniele Cabras.

In conclusione, Mattia Stanga è un influencer poliedrico e di successo che ha saputo conquistare il pubblico grazie alla sua comicità autentica e alla sua capacità di comunicazione.
Continua a leggere su MediaTurkey: Mattia Stanga, chi è: età, vita privata e carriera

Lascia un commento

Cambia impostazioni sulla privacy